06 marzo, 2014

Treccia russa ai pistacchi... MERAVIGLIOSA!




Ho già postato una ricetta oggi ma sono FELICE, FELICE, FELICE... mi è arrivata la planetaria, la mia prima planetaria. E no, non potevo non provarla subito e visto che avevo fatto 3 bei rinfreschi al mio lievito liquido detto fatto: Treccia russa!
Ora non so se la treccia venga sempre così, non l'avevo mai fatta, non so se è stato il lievito SUPERATTIVO, non so se sia stato il magico lavoro della planetaria... ma è venuto fuori un impasto meraviglioso. Gonfio, morbidissimo quasi da sciogliersi in bocca e un profumo!
Apparte che io e il mio lievito siamo fatti l'uno per l'altra, e lui asseconda i miei tempi frenetici.
Quando usavo il lievito di birra infatti potevo far lievitati solo quando ero libera , così invece impasto la mattina o per pranzo e posso andare tranquilla tranquilla a lavoro che il mio licoli si prende cura dell'impasto piano piano e poi inforno la sera o la mattina successiva.
La ricetta riadattata per il licoli viene da qui .




Treccia russa ai pistacchi

Ingredienti :

230 gr lievito liquido ( io rinfrescato 3 volte al 100 % )
70 ml di latte
90 gr di zucchero
90 gr di burro
2 uova
390 gr farina bianca ( io Manitoba )
1 cucchiaino scarso di sale

Per la farcia :

50 gr di burro
50 gr di pistacchi di Bronte tritati finemente
1 cucchiaio di zucchero a velo

Io ho appena scaldato il latte e vi ho sciolto il lievito, poi l'ho messo nella planetaria e ho aggiunto il resto degli ingredienti. Ho azionato fino ad ottenere un impasto soffice e non appiccicoso, l'ho rovesciato sul piano di lavoro, ho fornato una palla e l'ho messa a lievitare coperta per circa 5 ore.
Senza lavorare troppo la pasta l'ho stesa in una sfoglia rettangolare.
Ho lavorato il burro a pomata con lo zucchero e poi ho unito la farina di pistacchi e ho spalmato il tutto sulla sfoglia e poi l'ho arrotolata per il lato lungo. Con un coltello ben affilato ho tagliato 3 cm dal rotolo e poi ho diviso in due il rotolo, lasciando però 3 cm uniti nella parte iniziale. Ho preso questa parte iniziale e l'ho passata sotto i due lembi della treccia, a formare una rosa, ho intrecciato il resto e ho chiuso la treccia con un'altra rosa, il pezzo tagliato prima.
Ho messo la treccia a lievitare fino alla mattina ( erano le 10 di sera) nello stampo da plumcake.


Ho pennellato con un po' di latte e cotto in forno caldo a 180° per circa 30 minuti.
E la casa si è riempita di un profumo eccezionale!

Con questa ricetta partecipo al contest "Un anno di colazioni: i Dolci Lievitati" di Letizia in Cucina in collaborazione con FIMOra

5 commenti:

  1. Sembra davvero una nuvola!!! Grazie mille per la ricetta e per aver partecipato al contest, ti inserisco subito fra le ricette partecipanti!

    RispondiElimina
  2. Mi piace!!! Ciao! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie Lucilla,anche per essere passata da me...

    RispondiElimina